CHE COS’È IL CBD?

CHE COS’È IL CBD?

INTRO ALLA CBD
Il cannabidiolo (CBD) è un composto naturale che si trova nel fiore resinoso della cannabis, una pianta con una ricca storia come medicina che risale a migliaia di anni fa. Oggi le proprietà terapeutiche del CBD vengono testate e confermate da scienziati e medici di tutto il mondo. Sostanza sicura e non coinvolgente, il CBD è uno dei più di cento “fitocannabinoidi”, unici per la cannabis e dotati di un robusto profilo terapeutico.

Il CBD è strettamente correlato a un altro phytocannabinoide, attivo in campo medico: il tetraidrocannabinolo (THC), il composto che causa l’alto valore per cui è famosa la cannabis. Queste sono le due componenti della cannabis che sono state più studiate dagli scienziati.

Sia il CBD che il THC hanno importanti attributi terapeutici. Ma a differenza del THC, il CBD non fa sentire una persona “lapidata” o intossicata. Questo perché CBD e THC agiscono in modi diversi su diversi recettori nel cervello e nel corpo.

Il CBD può effettivamente attenuare o neutralizzare gli effetti psicoattivi del THC, a seconda della quantità di ciascun composto consumato. Molte persone vogliono i benefici per la salute della cannabis senza l’alto – o con meno di un alto.

Il fatto che il CBD sia terapeuticamente potente e non intossicante e facile da prendere come olio di CBD, lo rende un’opzione di trattamento attraente per coloro che sono cauti nel provare la cannabis per la prima volta.

CBD: LA MOLECOLA MULTIFUNZIONE
Molte persone sono alla ricerca di alternative ai prodotti farmaceutici con forti effetti collaterali – la medicina più in sintonia con i processi naturali. Attingendo al modo in cui operiamo biologicamente a livello profondo, il CBD può fornire sollievo per il dolore cronico, l’ansia, l’infiammazione, la depressione e molte altre condizioni.

Una vasta ricerca scientifica – in gran parte sponsorizzata dal governo degli Stati Uniti – e il consolidamento di account aneddotici da pazienti e medici evidenziano il potenziale del CBD come trattamento per una vasta gamma di malattie, incluse (ma non limitate a):

Malattie autoimmuni (infiammazione, artrite reumatoide)
Condizioni neurologiche (Alzheimer, demenza, Parkinson, sclerosi multipla, epilessia, corea di Huntington, ictus, trauma cranico)
Sindrome metabolica (diabete, obesità)
Malattia neuropsichiatrica (autismo, ADHD, PTSD, alcolismo)
Disturbi intestinali (colite, Crohn)
Disfunzione cardiovascolare (aterosclerosi, aritmia)
Malattia della pelle (acne, dermatite, psoriasi)
Il CBD ha dimostrato effetti neuroprotettivi e le sue proprietà anti-cancro sono state studiate in diversi centri di ricerca accademici negli Stati Uniti e altrove. Uno studio sul cancro al cervello del 2010 condotto da scienziati californiani ha scoperto che il CBD “potenzia gli effetti inibitori del THC sulla proliferazione e sopravvivenza delle cellule di glioblastoma umano”. Ciò significa che il CBD rende il THC ancora più potente come sostanza antitumorale. Sempre nel 2010, i ricercatori tedeschi hanno riferito che il CBD stimola la neurogenesi, la crescita di nuove cellule cerebrali, nei mammiferi adulti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.